Ufficio di riferimento: Tributi 

Info e Contatti

Descrizione Procedimento

Se il contribuente non ha provveduto al versamento dell'IMU entro le scadenze previste - 16 giugno per l'acconto e 16 dicembre per il saldo (termini previsti per legge posticipati al primo giorno lavorativo successivo qualora le scadenze cadano in giorni festivi e prefestivi) - è possibile avvalersi del ravvedimento operoso.

L'ufficio tributi, in seguito a dichiarazione del mancato versamento dell'imposta da parte del contribuente, è in grado di effettuare il calcolo relativo a quanto dovuto e di stampare il modello F24 precompilato.

Il ravvedimento operoso permette al cittadino di sistemare la sua posizione contributiva applicando sanzioni ridotte rispetto a quelle derivanti da un accertamento effettuato d'ufficio. Il ravvedimento operoso può essere effettuato attenendosi alle modalità elencate nella tabella sottostante.

 

TIPOLOGIA TEMPISTICHE DI PAGAMENTO SANZIONI

 

RAVVEDIMENTO SPRINT

 

entro 14 giorni dal termine previsto per il pagamento sanzione dello 0.10% per ogni giorno di ritardo (es. per i 14 gg di ritardo la sanzione da applicare è pari al 1,4 % (0,10 per 14)

 

RAVVEDIMENTO BREVE O MENSILE

 

entro 30 giorni dal termine previsto per il pagamento sanzione del 1,5%

RAVVEDIMENTO 90 GIORNI

entro 90 giorni dal termine previsto per il pagamento sanzione del 1,67%

 

RAVVEDIMENTO LUNGO O ANNUALE

 

entro 1 anno dal termine previsto per il pagamento sanzione del 3,75

 

 

Sull'imposta da regolarizzare si calcolano gli interessi legali annui del 0,20% fino al 31 dicembre 2016, del 0,10% dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017 e dell' 0,30% dal 1° gennaio 2018 con maturazione giornaliera dalla data di scadenza del pagamento fino alla data in cui viene effettuata la regolarizzazione.

 

Requisiti

Non aver effettuato il versamento IMU nelle date previste dalla normativa

Documentazione Necessaria

Nessuna.

Costo

Nessuno.

Normativa

  • Art. 13 D.Lgs. 472/97
  • Regolamento IUC

Tempistica

Immediata.

Documentazione