Ufficio di riferimento: Area Affari Generali 

Info e Contatti

L'Amministrazione comunale ha deciso di aderire formalmente alla campagna "Una scelta in Comune", finalizzata promuovere e facilitare la raccolta dell’espressione della volontà dei cittadini in merito alla donazione di organi e tessuti.
Al momento della richiesta di rilascio o di rinnovo della Carta d’identità presso gli uffici dell’anagrafe dei Comuni, ai cittadini maggiorenni sarà offerta la possibilità di esprimere e far registrare la propria volontà nel Sistema Informativo Trapianti (SIT), presso l’Istituto Superiore di Sanità, attraverso la compilazione di un semplice modulo.

Con questa iniziativa, già attuata in alcune realtà, si intende non solo rendere più semplice e comodo per i cittadini l’espressione di volontà, ma anche stimolare l’attenzione su questo tema così importante e delicato e fare emergere lo spirito di solidarietà e di generosità, troppo spesso inespresso.
Questa può anche essere l’occasione per chiarire i dubbi relativi a concetti non semplici, come quello del prelievo a cuore battente e della morte accertata con criteri neurologici e smontare alcuni falsi pregiudizi. Occorre ribadire che l’attività di prelievo ha due capisaldi: la certezza della morte del donatore e il rispetto della volontà della persona.
Ricordiamo che in Italia non esiste il silenzio-assenso: se non vi è stata una esplicita manifestazione di volontà in vita, adeguatamente documentata (sia essa favorevole o contraria), la decisione sulla donazione dopo la morte è affidata ai famigliari, in un momento particolarmente triste e drammatico, quando non è facile prendere decisioni delicate e condivise.
Attualmente nel nostro paese solo un milione e mezzo circa di persone ha manifestato la propria volontà, nella stragrande maggioranza favorevole, attraverso le ASL o, prevalentemente, attraverso l’iscrizione all’AIDO.

Al momento della richiesta di rilascio o rinnovo della carta d’identità, ai maggiorenni verrà offerta la possibilità di esprimere e far registrare la propria volontà con la sottoscrizione di un modulo. Questa dichiarazione sarà registrata nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) presso l’Istituto Superiore di Sanità, consultabile solo dagli addetti al lavori in caso di morte della persona e quando esistono le condizioni per una possibile donazione di organi e tessuti.
Se il cittadino ritiene di non esprimere alcuna volontà (non accetta il modulo o non lo rende) non verrà ovviamente registrato nulla nel SIT, mentre il documento di identità verrà rilasciato ugualmente.

In qualsiasi momento è possibile cambiare la propria decisione, presso gli uffici della propria ASL.