Info generali

  • Aggiornamenti dal Comune di Brusaporto
  • Tutte le informazioni, le comunicazioni e i servizi attivati

🔴 Contatti e numeri utili

Per emergenze contattare il numero 112.

Per avere informazioni da ATS Bergamo contattare il numero 800447722.

Per avere informazioni da Regione Lombardia contattare il numero 800894545.

Per avere informazioni dal Ministero della Salute contattare il numero 1500.

🔴 Misure in vigore

In seguito all’Ordinanza del Ministero della Salute del 28 novembre 2020, ecco in sintesi i punti più importanti per i cittadini di Brusaporto.

  • Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena (risultati quindi positivi al virus).
  • Ai soggetti con sintomatologia respiratoria e febbre maggiore di 37,5° C è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali. Si consiglia di contattare il proprio medico curante.
  • È obbligatorio indossare sempre la mascherina, igienizzarsi frequentemente le mani e mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro sia nei luoghi all’aperto sia al chiuso, soprattutto sui mezzi di trasporto pubblici. Fanno eccezione i bambini di età inferiore ai sei anni e i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
  • È vietato ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dalla nostra Regione.
  • È vietato a tutte le persone fisiche di spostarsi in Comuni diversi da quello di residenza in cui si trovano. Gli unici spostamenti giustificati sono per comprovate esigenze lavorative, di studio (spostamento da e verso l’istituto scolastico aperto), per motivi di salute o necessità. Questi spostamenti hanno l’obbligo di essere giustificati tramite autocertificazione.
  • È vietato spostarsi anche nel proprio Comune dalle ore 22.00 alle ore 5.00 se non per comprovate esigenze lavorative o di salute.
  • È consentito spostarsi nei paesi limitrofi per acquistare generi di prima necessità non reperibili nel Comune di residenza o per occasioni di convenienza. Anche per questo caso è necessario dotarsi di autocertificazione.
  • Si può uscire per acquistare anche beni diversi da quelli alimentari, ma rientranti nella categoria “beni di prima necessità” (carburante, materiale elettrico, ricariche e schede telefoniche, articoli medicali e ortopedici, materiali per la cura degli animali, combustibile per uso domestico e per riscaldamento, prodotti per cura casa e persona, quotidiani e prodotti editoriali, marche da bollo). Valgono però le indicazioni del punto precedente.
  • Si può uscire per assistere anziani parenti non autosufficienti, trattandosi di una condizione di necessità. Anche per questo caso è necessario dotarsi di autocertificazione. Si può uscire per andare a trovare figli minorenni presso l’affidatario se la persona in questione è separata o divorziata.
  • Sono aperti il Nido “L’albero”, la Scuola dell’Infanzia “Divina Provvidenza”, la Scuola Primaria “Don Martinelli” e la Scuola Secondaria di I grado “Aldo Moro” (le classi seconde e terze della Scuola Secondaria di I grado riprendono le attività in presenza).
  • Sospensione di tutte le gite scolastiche, le visite d’istruzione e le uscite didattiche.
  • Sono consentite le attività del CCRR (Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze).
  • È consentiva l’attività del “Giro Girotondo” in Ludoteca.
  • Sospensione di tutte le manifestazioni, gli eventi, le riunioni, le assemblee, i meeting, i congressi, le prove e le attività sociali, culturali, aggregative e ricreative in genere, organizzate in luoghi pubblici o privati. Si invitano i gruppi associativi nell’adottare modalità di collegamento da remoto per effettuare riunioni, tramite videochiamate e videoconferenze.
  • Sono sospesi gli spettacoli teatrali, i concerti e le proiezioni cinematografiche.
  • Sono consentite le celebrazioni religiose adottando tutte le misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone.
  • Chiusura di tutti i centri aggregativi, quali l’Oratorio, il Centro Socioricreativo “Il Castello”, il Centro Sportivo e la Sala Emeroteca, con la conseguente sospensione di tutte le attività.
  • Chiusura del Centro Culturale e del TAB - Centro Giovani e sospensione di ogni attività.
  • Chiusura del Centro Sociale e sospensione di ogni attività (servizio infermieristico, assistenza previdenziale, ecc.), ad eccezione dell’ambulatorio pediatrico e del servizio di prossimità.
  • È vietato accedere alle residenze sanitarie assistite (RSA) da parte di parenti e visitatori.
  • Sono consentite tutte le attività produttive industriali e tutte le attività commerciali al dettaglio, con il massimo rispetto di tutti i protocolli. È raccomandato l’utilizzo dello smart working per le attività che si possono svolgere a distanza.
  • Gli esercizi commerciali hanno l’obbligo del rispetto massimo della distanza interpersonale dei lavoratori e dei clienti e la messa a disposizione del gel per igienizzare le mani. È obbligatoria l’affissione all’ingresso del locale del cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale, sulla base delle dimensioni del locale e delle misure sul distanziamento in vigore.
  • Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (ad eccezione delle mense), i bar, i pub, i ristoranti, le gelaterie e le pasticcerie. È consentito svolgere l’attività di ristorazione con consegna a domicilio, purché vi sia il rispetto delle norme igienico-sanitarie e di protezione personale, sia per le attività di confezionamento sia per il trasporto. È consentito anche l’asporto fino alle ore 22.00. È vietata la consumazione sul posto e nelle adiacenze.
  • Negli spazi al chiuso (palestre ed edifici del Centro Sportivo) sono vietate tutte le attività motorie, fisiche e sportive, amatoriali e agonistiche. Sono consentite solo le attività riconosciute a livello nazionale (senza pubblico).
  • Negli spazi all’aperto sono consentite solo le attività motorie, fisiche e sportive non di contatto (atletica, ciclismo, equitazione, tennis) e le attività riconosciute a livello nazionale. Sono consentiti anche gli allenamenti delle attività di base e motoria solo all’aperto e a livello individuale (non è quindi possibile fare partite di allenamento o altre attività che prevedono o possono dar luogo a contatto interpersonale ravvicinato). Distanza minima di due metri. Le altre attività sono sospese.
  • L’uso degli spogliatoi è consentito solo per gli atleti professionisti con uno spazio minimo di 12 m2 per persona; è vietato l’utilizzo di asciugacapelli comunitari. 
  • È consentito svolgere attività motoria all’aperto (passeggiate, corsa, uscita con l’animale di compagnia) solo individualmente e con obbligo di mascherina indossata.
  • È vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
  • Il mercato del martedì pomeriggio è aperto con tutti gli ambulanti.
  • Sono chiusi i distributori automatici che distribuiscono bevande e alimenti confezionati. La casetta dell’acqua resterà sempre in funzione e accessibile.
  • Sono sospese le attività delle sale da ballo, discoteche e locali simili, all’aperto e al chiuso.
  • Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo.
  • Chiusura al pubblico degli Uffici Comunali. Per urgenze, suonare il campanello del Municipio o contattare il numero 035 6667711 dalle ore 9.00 alle ore 12.00.
  • Resta garantita sempre la raccolta differenziata porta a porta e resta aperta la Piattaforma Ecologica.
  • Il Cimitero resta aperto, ma si invita la cittadinanza a non affollarlo e di frequentarlo solo se strettamente necessario.
  • I trasporti pubblici funzioneranno regolarmente con al massimo il 50% di capienza massima. I corrieri possono circolare per consegnare le merci.

 

Leggi le ordinanze complete:

 

🔴 Attivazione Centro Operativo Comunale

L'Amministrazione Comunale ha attivato il Centro Operativo Comunale (C.O.C.), in via temporanea, al fine di assicurare nell'ambito del territorio comunale di Brusaporto la direzione e il coordinamento degli interventi di emergenza per l'epidemia da Covid-19.

La sede operativa del C.O.C. è istituita presso la Sala Operativa della Protezione Civile (piano secondo del Municipio), sita in Piazza Vittorio Veneto, 1 a Brusaporto.

Il Sindaco, quale autorità locale di Protezione Civile, coordina il C.O.C. che sarà attivo nelle seguenti funzioni di supporto:

  • Funzione tecnico-scientifica e pianificazione: Arch. Antonio Brevi
  • Sanità, assistenza sociale e veterinaria: Dott. Rosario Bua
  • Volontariato: Ing. Roberto Menga
  • Materiali e mezzi, censimento danni, persone e cose: Arch. Antonio Brevi
  • Servizi essenziali e attività scolastiche: Dott.ssa Monica Piazzalunga
  • Strutture operative locali e viabilità, telecomunicazioni: Comm. Capo Fabio Masserini
  • Assistenza alla popolazione e comunicazione: Arch. Antonio Brevi