Info generali

  • Aggiornamenti dal Comune di Brusaporto
  • Tutte le informazioni, le comunicazioni e i servizi attivati

🔴 Contatti e numeri utili

Per emergenze contattare il numero 112.

Per avere informazioni da ATS Bergamo contattare il numero 800447722.

Per avere informazioni da Regione Lombardia contattare il numero 800894545.

Per avere informazioni dal Ministero della Salute contattare il numero 1500.

🔴 Misure in vigore

In seguito al DPCM del 7 settembre 2020, ecco in sintesi i punti più importanti per i cittadini di Brusaporto, in vigore fino al 7 ottobre 2020.

  • È vietata la mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti con sintomatologia respiratoria e/o febbre superiore a 37,5° C e per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena (risultati quindi positivi al virus). Si consiglia di contattare il proprio medico curante.
  • È obbligatorio adottare tutte le misure precauzionali adeguate a proteggere sé stessi e gli altri dal contagio. Pertanto, va sempre garantita la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e deve essere effettuata frequentemente la disinfezione delle mani. Nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto pubblici è anche obbligatorio indossare la mascherina o, in mancanza, qualunque altro indumento a copertura di naso e bocca. All’aperto la mascherina è obbligatoria dalle ore 18.00 alle ore 6.00, soprattutto in caso di piazze, parchi e vie altamente frequentati, ma è comunque raccomandata anche durante le altre ore del giorno nel caso in cui non sia possibile garantire continuamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale. È comunque obbligatorio portarla con sé, anche all’aperto durante il giorno, ai fini del suo eventuale impiego. La mascherina non è obbligatoria per i bambini fino ai sei anni, per l’attività sportiva intensa e per i portatori di forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e per le persone che interagiscono con loro.
  • Riapertura delle scuole di ogni ordine e grado: il Nido “L’albero”, la Scuola dell’Infanzia “Divina Provvidenza”, la Scuola Primaria “Don Martinelli” e la Scuola Secondaria di I grado “Aldo Moro”, con conseguente ripartenza delle attività didattiche.
  • Ripartenza di tutti i servizi extra-scolastici: mensa, aiuto compiti, pre-scuola.
  • Sospensione di tutte le gite scolastiche, le visite d’istruzione e le uscite didattiche.
  • Sospensione delle attività del CCRR (Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze).
  • Sospensione di tutte le manifestazioni, le assemblee pubbliche, i meeting e i congressi organizzati in luoghi pubblici o privati.
  • È consentito svolgere eventi, riunioni, prove e attività sociali, culturali, aggregative, sportive e ricreative in genere, organizzate in luoghi pubblici o privati, purché con il rispetto delle indicazioni per la prevenzione del contagio (distanziamento fisico, uso delle mascherine, igienizzazione frequente delle mani, assenza di sintomi). Restano vietate le attività di ballo.
  • Il Centro Culturale è aperto per il prestito di libri e materiale multimediale. Non è consentito stazionare per consultazioni o attività di studio.
  • Chiusura dell’Oratorio, del Centro Socioricreativo “Il Castello”, del TAB - Centro Giovani e della Sala Emeroteca per le attività non strutturate. Le attività strutturate (corsi, prove, riunioni) sono consentite secondo le disposizioni nei punti precedenti.
  • Ripartenza del servizio infermieristico e dell’assistenza previdenziale presso il Centro Sociale.
  • Sospensione delle “tombolate” pomeridiane presso il Centro Sociale.
  • Sono consentiti gli allenamenti di tutti gli sport, all’aperto e al chiuso. Gli eventi e le manifestazioni sportive possono riprendere secondo le indicazioni delle singole federazioni. Il pubblico non è ammesso a tali eventi e manifestazioni.
  • È vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
  • La S. Messa feriale si svolge in Chiesa Parrocchiale; la S. Messa festiva (compresa la pre-festiva) si svolge in Oratorio. I funerali si svolgono al Cimitero.
  • In tutti i luoghi di lavoro è obbligatorio rispettare scrupolosamente le indicazioni per la prevenzione del contagio.
  • I trasporti pubblici funzionano regolarmente con la possibilità di avere una capienza massima dell’80% dei posti a sedere.
  • È consentito lo spostamento libero delle persone fisiche in entrata e in uscita dai Paesi dell’Unione Europea (ad eccezione di Croazia, Grecia, Malta, Romania, Spagna e Bulgaria), i Paesi Schengen, Regno Unito, Irlanda del Nord, Andorra e Principato di Monaco, con mezzi di trasporto pubblici e privati.
  • È consentito lo spostamento libero delle persone fisiche in entrata e in uscita da Croazia, Grecia, Malta e Spagna, con mezzi di trasporto pubblici e privati. Coloro che fanno ingresso da questi paesi, però, dovranno sottoporsi a test molecolare o antigenico (tramite tampone) e restare a casa in isolamento fiduciario. Solo dopo il risultato negativo potrà uscire.
  • È consentito lo spostamento libero delle persone fisiche in entrata e in uscita da Romania e Bulgaria, solo con mezzi di trasporto privati. Coloro che fanno ingresso da questi paesi, però, dovranno sottoporsi a test molecolare o antigenico (tramite tampone) e restare a casa in isolamento fiduciario. Solo dopo il risultato negativo potrà uscire.
  • È consentito lo spostamento libero delle persone fisiche in entrata e in uscita da Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia e Uruguay, con mezzi di trasporto pubblici e privati. Coloro che fanno ingresso da questi paesi dovranno restare a casa in isolamento fiduciario.
  • È consentito lo spostamento solo per lavoro, motivi di salute, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza delle persone fisiche in entrata e in uscita dagli altri Paesi del mondo, ad eccezione di Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Kosovo, Montenegro, Serbia e Colombia, con mezzi di trasporto pubblici e privati. Coloro che fanno ingresso da questi paesi dovranno comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’ATS, che provvederà a comunicarlo all’autorità sanitaria competente del territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.
  • È vietato ogni genere di spostamento da e per Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Kosovo, Montenegro, Serbia e Colombia.

 

Leggi le ordinanze complete:

 

🔴 Attivazione Centro Operativo Comunale

L'Amministrazione Comunale ha attivato il Centro Operativo Comunale (C.O.C.), in via temporanea, al fine di assicurare nell'ambito del territorio comunale di Brusaporto la direzione e il coordinamento degli interventi di emergenza per l'epidemia da Covid-19.

La sede operativa del C.O.C. è istituita presso la Sala Operativa della Protezione Civile (piano secondo del Municipio), sita in Piazza Vittorio Veneto, 1 a Brusaporto.

Il Sindaco, quale autorità locale di Protezione Civile, coordina il C.O.C. che sarà attivo nelle seguenti funzioni di supporto:

  • Funzione tecnico-scientifica e pianificazione: Arch. Antonio Brevi
  • Sanità, assistenza sociale e veterinaria: Dott. Rosario Bua
  • Volontariato: Ing. Roberto Menga
  • Materiali e mezzi, censimento danni, persone e cose: Arch. Antonio Brevi
  • Servizi essenziali e attività scolastiche: Dott.ssa Monica Piazzalunga
  • Strutture operative locali e viabilità, telecomunicazioni: Comm. Capo Fabio Masserini
  • Assistenza alla popolazione e comunicazione: Arch. Antonio Brevi