Uno dei momenti da ricordare dei secoli successivi è il 1380, quando, nella contesa fra Guelfi e Ghibellini, il ghibellino Giovanni Da Iseo devastò e bruciò il castello che sorgeva sulla collina, fatto costruire dalla famiglia guelfa dei Rivola, e quando Giovanni Castiglioni ghibellino, con un editto proibì a chiunque il transito, la sosta e soprattutto la residenza sotto pena di pene gravissime.
Dal 1428 all'epoca napoleonica, durante il dominio di Venezia, Brusaporto fece parte della "quadra di Calcinate".
Nella seconda metà del 1500 il Conte e Cavalier Ruggero Tasso, sposo di una Albani, acquistò terre ed edificò la casa a Brusaporto; tale Ruggero fu generale di posta per l'impero nella sede di Venezia.
Nel periodo napoleonico Brusaporto fece parte del "Cantone di Martinengo", poi chiamato "Distretto" durante il regno lombardo-veneto.
Con il Regno d'Italia (1861) la storia di Brusaporto rientrò nella storia amministrativa della nuova realtà politica.
Nel periodo 1870 e 1900 vanno ricordate alcune delle realizzazioni più rilevanti: la "cisterna" dell'acqua (1872) visibile tutt'ora nella Piazza V. Veneto, la costruzione del palazzo comunale (1886), la costruzione del primo acquedotto comunale all'inizio del 1900 tutt'ora visibile in località Fontanelli, seguirono la costruzione dell'asilo, del cimitero e di altri importanti servizi.
Per due volte il Comune di Brusaporto fu unito a Bagnatica; la prima avvenne nel 1809 ed ebbe breve durata, in quanto nel 1816 riacquistò la sua autonomia e la seconda nel 1927 per formare il Comune di Rocca del Colle insieme con Bagnatica.
I Brusaportesi, che mal digerirono questa aggregazione, nel 1946 presentarono domanda sottoscritta dai capi famiglia per la ricostruzione del Comune di Brusaporto, che sarebbe avvenuta dieci anni dopo con D.P.R. n°314 del 16 marzo 1956

Ultimo aggiornamento

11/08/2023, 09:49

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri